L’inchiesta di Altroconsumo in venti punti di ristoro autostradali svela carenze per tutti i gestori sia per quanto riguarda i comportamenti del personale, sia per quanto riguarda la conservazione e l’igiene del cibo servito, con possibili rischi per tutti i clienti. L’associazione indipendente di consumatori ha visitato in incognito venti punti di ristoro, per due volte (estate 2004 e Pasqua 2005), lungo le maggiori autostrade italiane. Sono state verificate e valutate le condizioni igieniche dei locali, dei banconi, dei vassoi, dei piatti, dei bicchieri e delle posate. E’ stato valutato inoltre il comportamento degli operatori addetti al servizio e in laboratorio è stata poi verificata la quantità totale di batteri e la presenza di microrganismi pericolosi nel cibo.

Nei bar dei punti di ristoro sono stati acquistati panini e tramezzini con verdure crude e maionese e nei ristornati insalate, secondi a base di carne e macedonie.Degli 80 campioni di panini e tramezzini analizzati, 38 sono stati giudicati insufficienti.Al ristorante la pietanza più a rischio è risultata l’insalata: solo 1 campione su 40 ha ottenuto un risultato positivo. E’ andata meglio per piatti di carne con solo 6 insufficienze su 40 campioni e qualche problema è stato rilevato anche per le macedonie, 18 insufficienze su 40.Troppo spesso i giudizi negativi sono dovuti alla presenza di un microrganismo indice di scarsa igiene, il Bacillus cereus, che in 1 campione di insalata è stato rilevato ad un livello tale da essere veramente pericoloso per la salute.

Da non sottovalutare sono anche i dati relativi al comportamento del personale. Le principali carenze riscontrate riguardano l’uso delle mani nude per manipolare il cibo, la mancanza di un abbigliamento adeguato e la distribuzione di pietanze effettuata dalle stesse persone che maneggiano anche i soldi alla cassa.Inoltre le temperature di servizio delle pietanze sono risultate inadeguate nella maggior parte dei casi. In particolare i risultati peggiori si riscontrano nelle insalate e nelle carni.Pranzare in uno di questi esercizi, secondo Altroconsumo non presenta fortunatamente rischi gravi per la salute. Tuttavia il livello generale igienico-sanitario lascia un po’ a desiderare, aumentando il rischio che si possano verificare problemi ben più gravi.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)