Disastri naturali, temperature record e crescita senza controllo della Cina. La pubblicazione del primo rapporto che documenta gli effetti dell’azione antropica sull’ecosistema pianeta, l’entrata in vigore del protocollo di Kyoto e la rara scoperta di un mammifero terrestre nel Borneo. Questi alcuni degli eventi che hanno caratterizzato dal punto di vista ambientale il 2005. Il bilancio "verde" internazionale stilato dal WWF si chiude con un saldo negativo, le buone notizie infatti non bilanciano le cattive. In Italia i conti dell’anno si chiudono ancora più "profondamente" in rosso per la mancata strategia politica e per l’incremento delle emissioni di gas serra.

Il 2005 – sostiene l’associazione ambientalista – è stato ancora una volta un anno di numerosi disastri naturali di clamorose proporzioni i cui effetti sono stati resi ancora una volta più gravi a causa dell’intervento umano, tanto che ormai si è largamente diffusa a livello internazionale la terminologia di "disastri innaturali". Iniziato con la conta degli oltre 200 mila morti causati dallo tsunami nell’Oceano Indiano del 26 dicembre del 2004, si stima che le catastrofi dell’anno che sta per concludersi hanno provocato oltre 300 mila vittime nel mondo. I danni economici accertati a causa dei cataclismi avvenuti sono stati di circa 200 miliardi di dollari con incrementi importanti in rapporto agli ultimi anni.

Fra le catastrofi con gli effetti peggiori – continua il WWF – c’è di sicuro l’uragano Katrina, che ha quasi distrutto New Orleans, provocando 1200 morti e circa 100 miliardi di dollari di danni. Un potente uragano che ha causato gravi danni nella parte sud-est degli Stati Uniti e che verrà riconosciuto come tra i peggiori disastri naturali che abbiano sinora colpito gli Stati Uniti, sia in termini di vittime umane che per i danni economici, certo il peggiore dal 1900, anno del uragano di Galveston, che uccise tra le 8.000 e le 12.000 persone.

Il 2005 ha inoltre registrato anche temperature record, le più elevate da quando esistono rilevazioni scientifiche negli ultimi 100 anni, secondo le analisi dell’autorevolissimo Goddard Institute for Space Studies della NASA. Inoltre, un capitolo emblematico è quello della Cina: quest’anno produzione record, consumi record delle risorse naturali come acqua, territorio e materie prime. Tutti elementi scatenanti per incidenti e danni all’ambiente, come i numerosi incidenti nelle miniere di carbone o l’ultimo allarme benzene, scattato il 13 novembre scorso nel nord est della Cina, quando esplosioni in una fabbrica chimica avevano provocato il riversamento nel fiume Shonghua di oltre 100 tonnellate della sostanza. Dal Shonghua, affluente dell’Amur, la chiazza e’ arrivata fino in Siberia.

"In un quadro di emergenza ambientale a livello planetario, l’Italia mostra tutta la sua inadeguatezza e incoerenza. I pilastri della salvaguardia ambientale sono minati alla base – ha detto il Presidente del WWF Fulco Pratesi – , e il 2005 accentua decisamente una tendenza fortemente negativa per le politiche ambientali. L’Italia continua ad aumentare le sue emissioni di gas serra (quelle di CO2 hanno raggiunto ormai +12% nel 2005 rispetto al 1990), allontanandosi dall’obiettivo fissato dal Protocollo di Kyoto di una riduzione del 6,5% entro il 2012. Ciò denota – sottolinea Pratesi – un’assoluta incoerenza delle politiche energetiche, ed espone il nostro Paese al rischio di pesanti conseguenze anche economiche nei prossimi anni. Difficoltà e ritardi anche per l’applicazione delle direttive europee relative alla Rete Natura 2000, il sistema interconnesso di aree naturali che l’UE prevede a tutela della biodiversità, e che coprirebbe il 17% della superficie nazionale.

L’Italia ha poi conquistato la maglia nera delle procedure d’infrazione a livello comunitario. Quest’anno per la prima volta si è arrivati a ben 70 procedure d’infrazione, 10 delle quali per non aver dato seguito alle richieste di chiarimento della Commissione. Due le condanne per violazione delle normative sui rifiuti e una multa di 700 milioni di euro per mancata applicazione del Protocollo di Kyoto.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)