Insistono gli ambientalisti di VAS Verdi Ambiente e Società, sulla necessità di cambiare metodo e uomini alla gestione dell’emergenza rifiuti in Campania. Nuove discariche mascherate da siti provvisori sono provvedimenti vecchi, figli di un gestione fallimentare che da soldi alla camorra e rimanda la risoluzione alle generazioni successive – hanno affermato il Coordinatore regionale per la Campania di VAS (Verdi Ambiente e Società) Antonio D’Acunto ed il Responsabile nazionale rifiuti Walter Iannotti.

Per gli ambientalisti è tutto da rifare partendo dalla considerazione che – La dove i cittadini sono stati, realmente messi nelle condizioni di contribuire ad una corretta gestione dei rifiuti – tengono a precisare gli ambientalisti – si sono ottenuti ottimi risultati per quanto concerne la raccolta differenziata arrivando, in pochi anni, sino a punte massime di 70-80% è questo perché oltre 80% dei rifiuti è costituito da materiali riciclabili e facilmente recuperabili, e di questi il 40% è costituito da umido.

I rifiuti urbani – sostengono dai VAS – non dovrebbero destare un problema, anzi, potrebbero costituire una vera e propria risorsa. È davvero assurdo che in piena emergenza, con una estate da temperature record alle porte e con oltre dodici anni alle spalle di emergenza rifiuti ed una struttura commissariale creata appositamente per gestire l’emergenza – ribadiscono gli attivisti di VAS – i rifiuti organici di mercati generali, mercatini rionali e grandi utenze continuano ad essere conferiti liberamente con gli altri rifiuti urbani.

Attualmente – denunciano gli ambientalisti – in Campania esistono solo 3 impianti di compost che funzionano. Come si può pensare di uscire dall’emergenza solo auspicando il completamento dei lavori del termovalorizzatore di Acerra. Impianto che per altro gli ambientalisti di VAS contestano ritenendolo dannoso ed inefficiente – Dopo le tesi esposte dal prof. Montanari sulla pericolosità delle nanoparticelle prodotte dalla combustione dei rifiuti – ha precisato il responsabile nazionale rifiuti Walter Iannotti – la nostra lotta contro la costruzione di impianti come quello che si vuole realizzare ad Acerra, con l’illusione di eliminare il problema rifiuti producendo energia non può che rafforzarsi e questa volta con basi scientifiche concrete.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)