Inizia oggi la Settimana Amica del Clima: sette giorni di iniziative organizzate in tutta Italia per dimostrare come passare dalle parole ai fatti per metterci al passo con gli obiettivi di Kyoto. Più energia pulita, niente sprechi e mobilità sostenibile per fermare la febbre del Pianeta.
Per la quinta edizione della Settimana Amica del Clima è tutto pronto: stand in piazza, pedalate in gruppo, visite guidate nei centri di educazione ambientale, serate a "luci spente" e cineforum a tema, ma anche convegni con esperti e conferenze, in un mix di informazione e divertimento. Visitando gli stand volontari spiegheranno come risparmiare energia e soldi con piccole mosse per il clima e il risparmio: quali lampadine ci costano di meno, come non sprecare acqua, quanto risparmiamo lasciando a casa l’auto, che vantaggi ha isolare un edificio…piccoli gesti quotidiani che fanno la differenza, sicuramente per l’ambiente ma anche per le nostre tasche, che in periodo di crisi non è da sottovalutare!

LINK: Alcune delle iniziative della settimana

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)