Il Comune di Lecce vorrebbe portare il caso parco Corvaglia al Consiglio di Stato. Lo scorso mercoledì il Tar ha accolto i due ricorsi presentati da cittadini ed associazioni, accordando la sospensiva dei lavori prevedono la costruzione di un parcheggio interrato e di un’area mercatale al posto dell’area a verde. La decisione dei giudici amministrativi era stata anticipata di poche ore dal provvedimento di sequestro disposto dalla Procura. Al Tribunale amministrativo ed alla Magistratura penale si erano rivolti i cittadini il 12 aprile scorso, dopo che, poco prima dell’alba, le ruspe avevano fatto irruzione nel parco, scatenando quasi una rivolta tra coloro i quali, dal 25 luglio scorso, sono in strada per difendere il parco dal cemento. Ora, gli interventi del Tar e della Procura segnano un nuovo stop del cantiere.

L’avvocato Luigi Mariano, presidente del Movimento Difesa del Cittadino di Lecce, primo firmatario del ricorso al Tar commenta: "Non si faccia una questione di principio. Si è creato un irrigidimento che non porta da nessuna parte. Le reazioni dei cittadini sono venute dopo il blitz del 12 aprile, abbiamo sempre creduto, e continuiamo a farlo, nel buon senso e nella mediazione".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)