Anche quest’anno sono stati consacrati dalla Regione Marche i Comuni marchigiani più virtuosi nella gestione del ciclo rifiuti. Il premio "Comuni Ricicloni per la Regione Marche 2005" promosso dall’Assessorato regionale all’Ambiente Servizio Ambiente e Difesa del suolo – Settore Ciclo dei rifiuti, Legambiente Marche e ARPAM, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio, CONAI, COREVE, CIAL, CONSORZIO NAZIONALE ACCIAIO, CIC, UPI Marche, ANCI Marche, e con il patrocinio e il contributo di COMIECO e COOU è giunto all’attesissimo atto finale, con l’annuncio dei comuni vincitori e la cerimonia ufficiale di premiazione al termine della tavola rotonda "Raccolta differenziata: risultati e prospettive" nel corso della quale le autorità intervenute si sono confrontate sullo stato di attuazione della normativa regionale in tema di rifiuti, sulla dotazione impiantistica e sugli strumenti esistenti per ridurre la produzione e spingere la raccolta differenziata.

La partecipazione al concorso ha toccato quest’anno un nuovo record – hanno aderito, infatti, ben 186 comuni contro i 136 dell’anno scorso. A differenza degli anni scorsi, sono stati attribuiti un numero inferiore di premi, mentre è aumentato quello delle menzioni, e se da un lato brillano 4 comuni che si vedono consegnare ognuno più riconoscimenti, dall’altro saltano all’occhio le pesanti assenze di altri.

In questa edizione, i comuni della provincia di Macerata con il capoluogo in testa si sono confermati ancora una volta i più "ricicloni" delle Marche, portando a casa ben 17 dei complessivi 22 riconoscimenti. A sorpresa, nella massima categoria guadagna un premio anche il comune di Ascoli Piceno, unico della sua provincia, mentre nelle menzioni fanno capolino anche Fano e Sant’Angelo in Vado, unici due comuni della provincia di Pesaro e Urbino. Grossa assente dalla classifica di quest’anno la provincia di Ancona, seppure figura il comune di Serra de Conti, unico dei comuni dell’anconetano ad essersi aggiudicato un premio.

"L’ottimo risultato in termini di partecipazione e di attività da parte dei comuni marchigiani ci fa ben sperare per il futuro" – ha commentato l’Assessore regionale all’Ambiente, Marco Amagliani – "Ciò significa che la coscienza ambientale nelle Marche si sta consolidando. Un fatto importante da salutare con orgoglio e senza dubbio gratificante per un amministratore regionale che sta conducendo un’azione politica orientata all’obiettivo della riduzione dei rifiuti: il problema dei problemi da affrontare". "Dobbiamo adoperarci tutti – ha concluso Amagliani – perché il territorio, la vera risorsa economica di questa regione, sia tutelato con ogni mezzo e modo possibili. Le Marche, che dal 1996 sono passate dal 3 al 20% del 2004 nell’attività di raccolta, dimostrano, anche con questa utilissima iniziativa di Legambiente, di avere le potenzialità per arrivare al 35%, obiettivo fissato dal cosiddetto decreto Ronchi."

Premi e menzioni a parte, il vero successo di quest’edizione, è stata la notevole adesione, da parte di ben 136 dei comuni partecipanti (oltre a 3 Comunità Montane e 1 gestore dei servizi di igiene ambientale), all’innovativo sistema O.R.SO. – Osservatorio Rifiuti Sovraregionale-, un software per la raccolta dati on-line e la gestione completa di tutte le informazioni sui rifiuti richieste annualmente a Comuni e gestori di impianti, adottato in fase sperimentale da ARPA Marche e per cui Comuni Ricicloni ha rappresentato un vero e proprio veicolo di diffusione.

"Il software ORSO rappresenta un modo innovativo di affrontare l’analisi del ciclo dei rifiuti -ha detto il Direttore Generale dell’ARPAM Gisberto Paoloni – e il fatto che esso abbia raccolto tante adesioni è un segnale molto positivo. Il recente rapporto APAT sul sistema dei rifiuti in Italia non è altrettanto incoraggiante: la raccolta differenziata cresce troppo lentamente, la quantità dei rifiuti avviati in discarica diminuisce troppo lentamente, il dato globale dice addirittura che i rifiuti crescono più del Pil. Le Marche non saranno un’isola felice, ma sono certamente un luogo dove le politiche attive nei confronti di questo problema hanno qualche successo".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)