La Regione Marche ha approvato la graduatoria del Progetto Prinfea, che premia 80 idee sull’ambiente presentate dai ragazzi delle scuole locali. L’iniziativa "Per l’ambiente si cambia", ha visto la partecipazione di 74 scuole e 41 Ambiti territoriali sociali, con ben 115 progetti proposti.

L’intento è stato quello di coinvolgere i giovani con più di 14 anni, in laboratori riguardanti le tematiche ambientali, per avviare un concreto modello di sviluppo sostenibile socio-ambientale. Ogni laboratorio mette in relazione gli operatori della scuola con le associazioni, i comuni, i centri di Educazione Ambientale (CEA), le agenzie e le cooperative sociali.

I finanziamenti previsti per ogni progetto ammontano a circa 5000 euro ciascuno. "E’ stata una buonissima formula per integrare l’ambiente con le politiche sociali – ha affermato l’assessore Marco Amagliani – e se ce n’era bisogno, è stata anche la palese dimostrazione di quanto i giovani siano attenti a questi temi. Uno stimolo a continuare su questa strada, tanto che abbiamo incrementato il budget iniziale di 240 mila euro a 400 mila, proprio per premiare la grande capacità di risposta, ma soprattutto di inventiva dei ragazzi e delle strutture che seguono le politiche giovanili".

Espressioni creative ed eventi artistici di diverso genere (rappresentazioni teatrali e musicali, scrittura creativa, mostre fotografiche e cortometraggi, giochi, supporti informatici, reportage) costituiranno la rassegna finale del progetto prevista per maggio 2006.

L’assessorato regionale all’Ambiente consentirà alle varie iniziative la massima visibilità attraverso momenti di incontro e informazione sui lavori svolti, l’allestimento di un apposito sito web e la partecipazione attiva di tutti i soggetti coinvolti all’evento regionale Eco&Equo 2006. La graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento e` consultabile sul sito della Regione, alla sezione bandi.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)