Il Piemonte sta promuovendo un piano di ricerca per la riduzione dei i rifiuti nel suo territorio. Inizialmente il progetto prevedeva solo un’iniziativa limitata allo riduzione degli imballaggi dei detersivi, spesso ingombranti e di difficile smaltimento."La raccolta differenziata -ha dichiarato l’Assessore- ormai entrata, seppure con risultati differenti nelle diverse località del Piemonte, in una fase che non si può più definire sperimentale. La riduzione è la nuova frontiera per affrontare da un altro versante il sistema della gestione e dello smaltimento. Produrre meno rifiuti significa avere meno discariche, meno impianti di smaltimento risparmiando anche le materie prime".

L’acquisto dei detersivi proposto dal progetto è innovativo: i consumatori, recandosi presso i supermercati, compreranno il prodotto con il suo contenitore solo la prima volta. I successivi acquisti saranno effettuanti portando con sè il contentitore vuoto e "facendo il pieno" direttamente ai distributori predisposti. Questo consentirà di dare un concreto significato al riutilizzo del materiale, evitando di produrre troppi rifiuti in plastica e di "intasare" le discariche della Regione.

Il progetto, detto GDO, promosso dall’Assessorato all’Ambiente della Regione Piemonte, è stato ideato da Cinzia Vaccaneo con la collaborazione del Centro Studi Sereno Regis. Il piano con un finanziamento della Regionera di circa 100mila Euro, sarà realizzato in varie fasi: la creazione di tavoli di lavoro con produttori e distributori, la ricerca di esperienze analoghe già attuate in Italia, lo sviluppo di tecnologie adeguate su cui la grande distribuzione potrà investire per mettere in pratica l’iniziativa. I Primi distributori di detersivi saranno disponibili a partire dal 2006.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)