E’ stata promulgata in Puglia la legge regionale n. 15 che promuove la riduzione dell’inquinamento luminoso e dei consumi energetici da esso derivanti, al fine di conservare e proteggere l’ambiente naturale. Viene considerato inquinamento luminoso ogni alterazione dei livelli di illuminazione naturale e, in particolare, ogni forma di irradiazione di luce artificiale che si disperda al di fuori delle aree a cui essa è funzionalmente dedicata, in particolar modo se orientata al di sopra della linea dell’orizzonte.

La normativa, che si compone di 9 articoli, indica, oltre agli ambiti di competenza e le zone di particolare tutela e protezione, anche i requisiti tecnici, le modalità di impiego degli impianti di illuminazione e le eventuali sanzioni per i trasgressori. La legge è entrata in vigore da subito, in quanto dichiarata urgente. Ora spetterà alla Regione, tramite l’Ufficio regionale competente in materia di ambiente e pianificazione ambientale, il compito di garantirne l’omogenea applicazione su tutto il territorio pugliese, esercitando le funzioni di coordinamento e indirizzo. A tal fine, entro un anno, ne verranno definiti i criteri di applicazione.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)