La Regione pugliese ha deciso di bloccare il progetto di costruzione della centrale a ciclo combinato "Elettra GLL" da 400 Mw a Modugno (BA), con la motivazione dell’alto impatto ambientale sul territorio circostante. "La località di Modugno- ha dichiarato l’Assessore all’Ecologia e all’Ambiente, Michele Losappio- è stata scelta per "avere in dono" ben cinque centrali termoelettriche e in più un termovalorizzatore", da realizzare al’interno di una ristretta area geografica. Il tutto ha preso inizio dopo il via libera del Governo italiano al decreto "sbloccacentrali", emanato successivamente al black out del 2003.

"Vogliamo impedire che la Puglia-ha continuato l’Assessore Losappio- diventi la regione regina delle discariche, dei termovalorizzatori, delle centrali elettriche e degli impianti industriali pesanti come stava per diventare a causa del lassismo interessato della precedente amministrazione, con una centrale termoelettrica in ogni isolato come a Modugno".

Il sindaco del Paese, Pino Rana, si è espresso favorevolmente sulla presa di posizione della Regione, dichiarando che la concentrazione degli impianti in progetto trova l’aperta opposizione da parte di gran parte della popolazione locale.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)