Il Consiglio regionale della Puglia ha dato il via libera alla moratoria per l’installazione di impianti eolici fino al 30 giugno 2006, data per la quale il "governo regionale – si legge in una nota – si è impegnato a definire un piano energetico ambientale nei prossimi mesi, anzi più precisamente entro 180 giorni dall’entrata in vigore di questa legge".

Scopo della procedura di arresto è " evitare di compromettere definitivamente dal punto di vista paesaggistico ed ambientale, vaste aree del territorio pugliese", ha spiegato il presidente della commissione ambiente, Pietro Mita. "La concentrazione degli impianti – ha aggiunto l’assessore regionale all’ecologia, Michele Losappio – ha effetti negativi non solo da un punto di vista visivo e paesaggistico, ma anche a per la realizzazione delle infrastrutture di supporto necessarie per la costruzione e per la gestione degli impianti".

In Puglia – continua la nota – dal 2001 al 2005, è stato registrato un trend di crescita fra le domande di autorizzazione e le autorizzazioni, soprattutto nel sub Appennino Dauno. Al 15 maggio di quest’anno risultano espresse 27 autorizzazioni per impianti eolici che sviluppano l’installazione di oltre 400 turbine per una potenzialità nominale di circa 780 mw, ai quali si aggiungono 21 impianti già installati al 2002, con una potenzialità nominale installata di circa 230 mw. Fra l’altro è già avviata l’istruttoria per altre 47 istanze per l’installazione di altrettanti impianti eolici di 1424 mw.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)