E’ in corso nella Capitale, giunta fino alle porte di Palazzo Chigi, la manifestazione in favore della costruzione del ponte di Messina. Al grido di "Giù le mani dal Ponte", i sostenitori dell’opera, bloccati da un cordone di agenti di polizia, non intendono rinunciare al progetto voluto dal precedente governo. Legambiente, commentando il corteo organizzato a Roma, parla di "invidia del Ponte immotivata".

"La nostalgia del progetto – dichiara Roberto Della Seta, presidente di Legambiente – è assurda e quell’infrastruttura sospesa davvero inutile, com’è ormai chiaro a tutti. L’assurdità economica, sociale, trasportistica e ambientale che rappresenta un’opera come il ponte sullo Stretto di Messina è evidente a chiunque ragioni con il buon senso. Costerebbe miliardi di euro, in gran parte forniti più o meno direttamente dalle casse pubbliche, e lascerebbe del tutto irrisolta la drammatica arretratezza del sistema dei trasporti del mezzogiorno a fronte di un alto impatto ambientale. Rimpiangere il progetto è del tutto insensato".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)