Si è svolto questa mattina a Roma presso la Direzione Centrale di AMA in via Calderon de la Barca l’incontro tra gli avvocati Stefano La Porta e Corrado Carubba, in rappresentanza del Commissario Delegato per i Rifiuti della Regione Lazio, Piero Marrazzo, e il dott. Domenico Tudini e l’ing. Giovanni Fiscon, rispettivamente Amministratore Delegato e Direttore Generale di AMA. L’appuntamento era stato pianificato nella riunione del 17 ottobre scorso fra il Presidente Marrazzo e le Organizzazioni Sindacali e i vertici dell’AMA, fra cui il Presidente, Massimo Tabacchiera, nell’ottica di approfondire gli aspetti tecnico-progettuali propedeutici alla chiusura del ciclo dei rifiuti e necessari per evitare l’insorgere nella provincia di Roma e nel Lazio di situazioni di emergenza legate alle disponibilità impiantistiche per la gestione integrata dei rifiuti.

Nel corso dell’incontro sono state affrontate le seguenti tematiche:

  • Linee guida su alcuni nuovi progetti operativi di sviluppo e potenziamento per intercettare maggiori quantità di rifiuti riciclabili e incrementare la raccolta differenziata nella città di Roma, che ricordiamo si attesta oggi al 21%.
  • Sono state discusse e analizzate soluzioni più avanzate proposte da AMA relative a scelte tecnologiche aderenti alle metodologie della BAT (Best Available Technology, ovvero le migliori tecnologie disponibili) volte ad ottimizzare l’efficacia degli impianti e ridurre al minimo gli impatti ambientali;
  • Ci si è confrontati, infine, sulla fattibilità e la tempistica dei nuovi progetti impiantistici e sono stati esaminati gli elementi prioritari per una più efficace valutazione degli impatti ambientali.

La struttura del Commissario per i Rifiuti e l’AMA hanno concordato il prossimo appuntamento per l’approfondimento degli aspetti tecnici legati all’iter attuativo del programma nella prima metà di gennaio 2006.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)