"Le risorse stanziate dal Governo sono state a dir poco misere, e l’iniziativa forse servirà per una volta a sensibilizzare il governo prima che i cittadini". Così Legambiente commenta il blocco delle città alle auto indetto dai sindaci per il prossimo 22 settembre.

"Il problema smog e traffico sta diventando lo spauracchio delle amministrazioni locali ma, dice Roberto Della Seta, presidente dell’associazione ambientalista, ad oggi, l’unico intervento individuato da sindaci e ministri è quello della rottamazione che ormai suona come un disco rotto. Non viene messa in campo nessuna seria strategia per contrastare la congestione quotidiana e l’alto tasso di smog e rumore da traffico. Il governo deve trattare la questione come un’emergenza nazionale.

Legambiente e tutti i suoi circoli locali scenderanno in strada per partecipare alla giornata senz’auto, spiega Della Seta "tra la consapevolezza ormai diffusa dell’emergenza smog e le risposte messe in campo c’è una distanza abissale. Serve però un duplice, forte impegno politico: quello del governo, che deve stanziare soldi e programmare politiche nazionali sostenibili; quello dei sindaci, che devono mostrare maggiore coraggio nel contrastare traffico e smog".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)