"L’aria è sempre la stessa, piena di smog, polveri sottili e altri veleni. Dannosa per la salute e per l’ambiente. Ma l’Europarlamento ha deciso che possiamo continuare a respirarla senza problemi, inquinata e pericolosa, per almeno altri sei anni". Legambiente denuncia così la decisione dell’Europarlamentoche oggi ha annacquato le norme Ue sull’inquinamento atmosferico.
Nella seduta di stamane, infatti, i parlamentari hanno approvato, con alcuni emendamenti, la proposta della Commissione Ambiente che riscrive in parte la normativa comunitaria sulla ‘qualità dell’aria ambiente’.

In particolare, ai Paesi membri viene concessa una deroga di sei anni per adeguare la propria aria ai limiti di legge. Mentre i giorni massimi di superamenti consentiti per le polveri sottili da 35 che erano diventano 55. "È un voto contro la salute. – continua Della Seta – L’Oms avverte che già oggi ci sono 80.000 morti premature ogni anno dovute alle concentrazioni non conformi ai limiti per il Pm10. Ci auguriamo che la Ue, con senso di responsabilità, abbia il coraggio di fare marcia indietro".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)