"Le informazioni Arpat rese noti oggi dall’associazione Idra in merito alla galleria Firenzuola mette a nudo i rischi insiti nel previsto sottoattraversamento del nodo fiorentino dell’Alta Velocità. E’ la denuncia di Ornella De Zordo, capogruppo di Unaltracittà/Unaltromondo che ricorda l’iter della galleria smantellata e ricostruita in cemento armato da ormai oltre un anno e mezzo senza che nessuno ne sia informato. "Deve essere fatta chiarezza una volta per tutte – continua De Zordo – sulla follia del paventato sottoattraversamento fiorentino dell’Alta Velocità. Oltre a costituire una spesa esagerata per l’erario e non consentire la costruzione di altre grandi opere necessarie alla collettività, oggi ci rendiamo conto che le istituzioni, le società incaricate, gli enti preposti affrontano con superficialità e improvvisazione i lavori della nuova tratta ferroviaria.

E allora – conclude il capogruppo – diciamo chiaramente che non ci fidiamo a mettere in queste mani la città di Firenze, i suoi abitanti e il suo patrimonio storico e culturale. Chiediamo ancora una volta che si riapra il tavolo sul nodo fiorentino affinché sia preso in considerazione l’attraversamento in superficie con un esborso di denaro pubblico ridotto del 70%, con ovvi vantaggi per il sistema pendolare e scongiurando così i rischi per la tenuta idrogeologica del sottosuolo fiorentino".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)