La vivisezione comporta, in Europa, la tortura di circa 12 milioni di animali all’anno; negli Stati Uniti il numero delle vittime cresce e raggiunge i 17 milioni; in Italia oltre un milione di animali vengono torturati per fini scientifici o sperimentali. Queste le cifre del fenomeno tracciate da un dossier curato dall’Agenzia Ricerca Economico Sociale (ARES).

Secondo dati forniti dal Ministero della salute, dati poco attendibili in quanto non contano i numerosissimi casi illeciti, tra il 2001 e il 2003, gli animali utilizzati in Italia per fini scientifici o sperimentali sono stati ufficialmente 2.735.042.

Proprio il meccanismo fasullo della raccolta ufficiale dei dati, – si legge nel rapporto – proprio l’esistenza di illeciti nonché l’esclusione degli animali utilizzati dalle case farmaceutiche nonché degli animali geneticamente modificati, fanno ritenere che i dati ufficiali siano almeno di un 30% al di sotto della realtà. Una stima più realistica fa quindi pensare che gli animali soggetti a vivisezione nel periodo 2001-2003 siano stati più di 3 milioni e 500.000, e che almeno 45.000 animali muoiano ogni anno sfigurati da rossetti, intossicati da profumi, bruciati da creme o saponi, tormentati da elettrodi e sonde infilate nel cranio. La maggior parte di questi animali vengono utilizzati per sperimentare i 12000 miliardi di cosmetici, deodoranti e prodotti per l’igiene intima che gli italiani consumano in un anno.

La legislazione italiana è stata sempre poco attenta al tema della vivisezione, e per questo si assiste al progressivo aumento del fenomeno: l’unico successo finora conseguito dal movimento antivivisezionista è stata la legge 413 del 1993, ampiamente disattesa, che sancisce il riconoscimento dell’obiezione di coscienza alla vivisezione da parte di studenti universitari e degli sperimentatori delle industrie private. In questi mesi, invece, è in discussione alla Camera una nuova proposta di legge che, se da un lato, contiene il divieto degli esperimenti su animali nella cosmetica e nei prodotti detergenti, dall’altro ufficializza ancor di più la vivisezione negli altri settori creando addirittura una nuova figura professionale, quella di chi può fare sperimentazione sugli animali.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)