Politiche di filiera e tracciabilità dei prodotti alimentari. Questi gli obiettivi primari del Ministro delle Politiche Agricole, Gianni Alemanno, il quale ha oggi annunciato a Roma, nel corso della Assemblea Nazionali di Coldiretti, "l’avvio dei lavori, a settembre, di un patto delle filiere agroalimentari per chiudere la questione dell’etichettatura di origine e della tracciabilità".

In particolare, Alemanno ha dichiarato la necessità di "un’etichetta che abbia una regola di base uguale per tutti i prodotti, soprattutto nel settore dell’ortofrutta e dei prodotti freschi". "Con il decreto sulla vera passata di pomodoro italiana – ha ricordato Paolo Bedoni, presidente di Coldiretti – più della metà dei soldi destinati dalle famiglie italiane agli acquisti alimentari sono spesi in prodotti per i quali è ora obbligatoria la carta d’identità che consente di riconoscere la provenienza senza cadere nell’inganno del falso Made in Italy".

Molti sono ormai i prodotti per i quali l’origine è certificata ma secondo Bedoni "resta ancora molto da fare. L’etichetta resta anonima per il pollame, la carne di maiale, l’olio extravergine, le conserve vegetali e i succhi di frutta".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)