"A non aver paura del virus dei polli sono soprattutto gli italiani con età compresa tra i 18 e i 39 anni, residenti nei comuni di piccole dimensioni, principalmente nel centro Italia e con la laurea come titolo di studio". E’ quanto afferma Coldiretti che ha tracciato l’identikit degli italiani che non cadono nella trappola dell’allarmismo alla luce delle notizie di veri e propri "assalti" alle farmacie dove si rischia l’esaurimento delle scorte delle medicine antivirali. Secondo le anticipazioni sui risultati dell’Indagine Coldiretti-Ispo sulle "Reazioni degli italiani all’influenza aviaria", che saranno presentati al Forum Internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione di Cernobbio il prossimo 21 ottobre, esiste una componente significativa della popolazione che, nonostante la grande attenzione sulla diffusione della malattia, non ritiene di dover cambiare i propri comportamenti.

Secondo la ricerca – precisano i coltivatori – se in media sull’intera popolazione italiana il 47% dei cittadini non ha cambiato il proprio comportamento di acquisto, la percentuale dei "senza paura" sale tra i giovani di età compresa tra i 18 e i 39 anni (51%), tra residenti nei comuni di piccole dimensioni (57%), nelle regioni del centro Italia (53%) e con il crescere del titolo di studio dal 43% della licenza elementare al 56% della Laurea. Si tratta di un risultato che – sottolinea l’associazione – conferma l’importanza di una campagna informativa corretta ed approfondita per evitare la diffusione di allarmismi che rischiano di favorire comportamenti irrazionali.

A questo proposito – conclude la nota – particolarmente importante è l’entrata in vigore a partire da oggi dell’obbligo di etichettatura di origine per il pollame ed i derivati necessaria per favorire l’attività di controllo ma anche per valorizzare i primati qualitativi e di sicurezza alimentare del Made in Italy.

Clicca qui per scaricare la "Guida al pollo sicuro" del Movimento Difesa del Cittadino.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)