La Procura della Repubblica di Roma indaghi la Banca d’Italia per grave oltraggio alla trasparenza. E’ la richiesta di Codici in merito alla domanda dell’associazione a tutela dei consumatori, avanzata lo scorso 29 marzo 2005,di accedere agli atti della Banca nazionale, per indagare sull’aumento dei tassi passivi e circa i tagli degli attivi sui conti correnti. Considerando che – si legge in una nota di Codici – l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato abbia sancito l’effettiva competenza della Banca d’Italia a fornire debita risposta alle nostre legittime richieste, il fatto che a distanza di mesi non sia ancora giunto responso dall’istituzione bancaria si sostanzia in una grave violazione dell’imperativo della trasparenza, a difesa della quale era espressamente motivata la nostra richiesta.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)