Dalle parole ai fatti. E’ quanto auspica l’Adoc che dopo le dichiarazioni del ministro Scajola spera che le commissioni istituite presso il ministero lavorino il più rapidamente possibile per ridurre tariffe e accise. "La nostra paura – ha dichiarato il presidente dell’Adoc, Carlo Pileri – è che l’ipotesi di un prezzo del greggio a 80 dollari si traduca in una triste realtà che è ormai dietro l’angolo, con il prezzo della benzina alla pompa causa di aggravi di spesa per oltre 300 euro a famiglia in meno di un anno". "Il nostro auspicio – ha aggiunto – è che entrambe le Commissioni, quella sui carburanti e quella sulle tariffe rc auto, possano lavorare in tempi serratissimi per trovare soluzioni divenute ormai indifferibili. Bisogna da un lato intervenire sulle accise dei carburanti rendendole fluttuanti e in grado di rendere stabile il prezzo della benzina alla pompa, dall’altro rilanciare una reale concorrenza in ambito assicurativo, così da non far diventare l’auto un lusso per pochi".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)