"Non sono solo quei visionari dell’Intesaconsumatori a sostenere l’odiosa speculazione sulle benzine, specie in Italia! Adesso anche uno studio Bce afferma che in otto mesi le quotazioni della benzina (+70%) sono cresciute molto piu’ del petrolio (+60%), mentre il governo continua a speculare 4,5 miliardi di euro sulle accise". Lo affermano Adoc, Adusbef, Codacons e Federconsumatori in una nota oggi diffusa a seguito della diffusione da parte della Banca Centrale Europea del bollettino del mese di ottobre.

La Banca Centrale Europea – si legge nella nota – sottolinea anche l’altra accusa, sostenuta e denunciata con forza dalle quattro associazioni a tutela dei consumatori: ossia quell’asimmetrica variazione, simultanea al rialzo ed immediatamente trasferita alla pompa quando aumenta il costo del greggio; lenta e tardiva in caso di diminuzione. Il rincaro della benzina – dice sempre la BCE – ha avuto un impatto significativo sull’inflazione armonizzata di settembre nell’area euro e potrebbe continuare con un successivo aumento dei prezzi della benzina sul mercato internazionale nella seconda metà di settembre, collegato con l’uragano Rita, esercitando ulteriori pressioni al rialzo sui prezzi al consumo.

L’Intesa denuncia "la vergognosa speculazione sulle benzine da parte delle compagnie petrolifere, con utili da capogiro realizzati sulla pelle delle stremate famiglie; i ritardi del Governo, sia nel calmierare con interventi strutturali sulle accise – 4,5 miliardi di euro il surplus fiscale finora incamerato con la previsione di superare quota 5 miliardi di euro a fine anno – i prezzi elevatissimi tra i più alti d’Europa, sia per la latitanza (a parte le inutili commissioni di studio alla "Valducci") nell’esaudire le richieste della grande distribuzione di poter finalmente vendere i carburanti a prezzi scontati, come in Francia e nei Paesi UE".

E poiché in Italia – conclude la nota – l’aumento del gasolio da autotrazione è stato del 100 per cento superiore all’aumento della benzina, senza alcuna giustificazione tecnica (il costo del gasolio ha quasi raggiunto quello della benzina), Intesaconsumatori ha chiesto al Governo un intervento urgente per verificare la genesi di una ignobile speculazione delle compagnie petrolifere, finalizzata a riequilibrare il calo dei consumi con un aumento ingiustificato per lucrare sull’aumento del parco circolante delle automobili diesel, che hanno superato abbondantemente quelle a benzina.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)