Francesco Ferrante, direttore generale e portavoce di Legambiente ha commentato negativamente la proposta per il nuovo regolamento sulla produzione biologica adottata dall’Unione Europea in quanto, fissando la soglia di OGM allo 0,9%, metterebbe a rischio la produzione biologica. "Proprio nel testo in cui propone per i prodotti biologici l’obbligo del logo o dell’etichetta, la commissione europea nasconde una polpetta avvelenata: una soglia di contaminazione accidentale da ogm del 0,9%" ha dichiarato il direttore generale di Legambiente.

"Questa soglia di tolleranza – ha proseguito Ferrante – mette in grave pericolo il biologico com’è stato concepito sinora dall’Europa e voluto dai consumatori. E’ di fatto un tentativo di minare alle fondamenta il futuro dell’agricoltura bio, equiparandone i prodotti a quelli dell’agricoltura tradizionale".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)