Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge di attuazione della direttiva comunitaria sulla ‘protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche’. Lo rende noto un comunicato del ministero delle Attività produttive, il cui responsabile Claudio Scajola ha detto che "il provvedimento approvato consente di rafforzare la protezione brevettale in settori altamente innovativi, così come indicato dal Programma di Governo e dal Piano Triennale del Ministero delle Attività Produttive".

La possibilità di brevetto delle invenzioni biotecnologiche – prosegue Scajola nella nota – ha un ruolo fondamentale nello sviluppo della ricerca scientifica e dell’economia: la Commissione Europea ha stimato che entro il 2010 i settori, esclusa l’agricoltura, in cui la scienza della vita e la biotecnologia sono rilevanti potrebbero valere più di 2.000 miliardi di euro. Questi settori richiedono però forti investimenti ad alto rischio che non possono non avere un’adeguata protezione giuridica". Il decreto – si legge nella nota – armonizza la protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche escludendo, in particolare, la clonazione e ogni utilizzazione di embrioni umani, i procedimenti di modificazione dell’identità genetica dell’essere umano.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)