In riferimento al testo approvato l’Unione Inquilini ritiene importante l’avere ampliato la platea degli aventi diritto alla sospensione degli sfratti, ma anche l’aver investito della proroga tutti i comuni ad alta tensione abitativa. E’ grande novità la richiesta di conoscervi i programmi, con le effettive necessità, da parte di comuni e la decisione di istituire un tavolo nazionale per definire un programma pluriennale.

L’Unione Inquilini ovviamente non ritiene che l’approvazione del decreto legge sia esaustivo. Ora è necessario che alcune misure di rilevante concretezza siano inserite nella legge finanziaria a partire da: l’abolizione dalla detrazione forfetaria del 15% per i proprietari che affittano a libero mercato; l’aumento delle detrazioni fiscali per gli inquilini e per tutti i tipi di contratto; l’aumento delle risorse per il fondo contributo affitto da portare ad almeno 500 milioni di euro/anno; e non ultimo una efficace protezione sociale non solo per i cosiddetti sfrattati disdettati ma per la parte più debole degli espulsi da un indecente mercato abitativo, i cosiddetti inquilini morosi.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)