"L’Agenzia Casa del Comune di Modena affitta ugualmente a cittadini italiani e stranieri gli alloggi messi a disposizione dai proprietari che, accettando di dare in locazione a canone agevolato, godono di diverse agevolazioni: il diritto alla riduzione del 30 per cento del reddito derivante dall’affitto per il calcolo delle imposte, la riduzione dell’imposta di registro calcolata sul 70 % del canone annuo e l’azzeramento dell’Ici". Lo precisa l’assessore alle Politiche sociali, abitative e per l’Integrazione, Francesca Maletti, in merito alla notizia riportata dalla stampa locale in data odierna circa la proposta del presidente nazionale dell’Acli, Luigi Bobba, di esportare il "modello Modena" a livello nazionale.

"L’Agenzia per la Casa – continua l’assessore Maletti – è nata per dare un alloggio a canone concordato alle famiglie che pur avendo un reddito annuo garantito, hanno difficoltà a pagare un affitto ai valori del mercato e intende privilegiare gli ultra sessantacinquenni, le famiglie con minori, quelle di nuova formazione, quelle che registrano la presenza di un disabile o con uno sfratto in corso, a prescindere" conclude l’assessore Maletti.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)