Il Movimento Difesa del Cittadino ha presentato oggi "Cittadini on line", il rapporto sui siti web ed il modo con cui comunica in rete la Pubblica Amministrazione. Il rapporto è stato realizzato in collaborazione con Consumers’ Forum. Il rapporto ha analizzato i siti dei Ministeri, delle Regioni e dei Comuni Capoluoghi di Regione e ne ha valutato l’efficienza (cioè la risposta effettiva), l’utilità e la qualità dei contenuti della risposta, in questo modo è stato definito un giudizio di qualità complessiva e l’"interattività" e cioè la "capacità delle Amministrazioni di rapportarsi positivamente con i cittadini che ad esse si rivolgono".

In particolare sono state delle aree tematiche più attinenti alla vita del cittadino: Ambiente, Assicurazioni/auto/trasporti, pubblici, Casa/servizi "acqua – luce – gas" (bollette, consumi), Categorie protette (disabili)/fasce deboli (immigrati), Economia/risparmio/attività produttive (agricoltura, commercio, caccia, pesca, industria), Famiglia e servizi sociali (es. asili, consultori, centri di ascolto, anziani, parità), Fisco (tasse, imposte), Lavoro/previdenza, Personale (certificati anagrafici, documenti personali), Ricostruzione – emergenze ambientali (alluvioni, frane, incendi), Sanità/salute/alimentazione, Sicurezza/giustizia/obblighi militari, Studio (scuola, formazione, università, borse di studio, bandi, concorsi), Tempo libero (cultura, sport, turismo), Area dedicata: spazio consumer, Varie (statistica, Europa, altro).
Il Ministero migliore dal punto di vista dell’interattività è quello delle Infrastrutture, seguito da Beni culturali e Salute. I meno interattivi, ossia quelli che non hanno dato risposte, sono Interno, Giustizia, e inaspettatamente Innovazione tecnologica.

Le Regioni che hanno invece risposto velocemente ai cittadini si trovano al nord: Liguria, Piemonte e Veneto, mentre i risultati peggiori arrivano da Sicilia, Molise e Calabria. Anche per i Comuni accade lo stesso: Venezia guida la classifica dei Comuni più solleciti, seguita da Ancona e Bologna; in coda Potenza, L’Aquila e Catanzaro. Sono stati poi presi in considerazione i contenuti informativi e i servizi interattivi offerti dai siti delle amministrazioni. Nei siti di Comuni e Regioni c’è pochissimo spazio (solo il 22%) per i servizi strumentali, ossia quelli interattivi. Anche in questo caso le Regioni che lasciano più spazio alla comunicazione con il cittadino sono al Nord: il sito migliore è quello dell’Emilia Romagna, seguito da Veneto e Liguria. La regione più carente è il Trentino Alto Adige, "si classificano" poco prima Calabria, Puglia e Molise.

I Comuni che comunicano meglio in rete sono Bologna, Torino e Roma; i peggiori Cagliari, Catanzaro e Palermo. Per quello che riguarda i Ministeri infine il risultato spetta al ministero della Salute, seguito da Innovazione, Funzione pubblica e Beni culturali, In coda alla classifica, invece si trovano i siti dei ministeri di Giustizia, Economia e Infrastrutture. Nel corso della presentazione del rapporto sono stati inoltre consegnati i premi "Cittadini on line" a esperienze di eccellenza per la comunicazione – non solo on line – della Pubblica Amministrazione rivolta ai cittadini: i 3 vincitori sono il sito di Italia Gov (www.italia.gov.it); la Regione Toscana per il progetto YES promosso anche da Regione Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, e ChiamaRoma 060606, il sistema integrato di comunicazione del Comune di Roma.

"La Pubblica Amministrazione ha una grande opportunità nell’uso di internet per informare i cittadini – ha dichiarato Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino – e per agevolare l’accesso ai servizi di pagamento delle multe, dei tributi e di tutti gli adempimenti, per la scuola, la casa, l’assistenza. Il Movimento Difesa del Cittadino punta molto sul premio "Cittadini on line" per stimolare la Pubblica Amministrazione a migliorare i propri siti e le iniziative di comunicazione".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)