"Anche i consumi di frutta invertono la tendenza e tornano ad aumentare con un incremento in quantità del 4,8% mentre la relativa spesa domestica delle famiglie a maggio si mantiene stabile su un valore di 210 milioni di Euro." E’ quanto afferma Coldiretti in riferimento ai dati incoraggianti sull’aumento dello 0,8% del commercio alimentare al dettaglio a maggio divulgati dall’Istat.

L’aumento dei consumi di frutta rilevato su base annua dall’Osservatorio prezzi è stato favorito dall’aumento delle temperature e ha riguardato tutte le forme di vendita anche se, mentre gli iper e i supermercati hanno registrato un aumento in quantità del 3,6%, per le altre tipologie distributive l’incremento è stato maggiore e pari in media al 5,6%. Il ritorno della frutta sulle tavole degli italiani – continuano i coltivatori – è un segnale positivo per le campagne di raccolta della frutta estiva che si preannuncia di grande qualità ma anche per i consumatori che possono approfittare, al giusto prezzo, delle proprietà della frutta che il nostro Paese soprattutto in questo periodo offre in abbondanza con livelli qualitativi e sanitari da primato, a livello europeo ed internazionale.

E per acquisti "doc" l’associazione di categoria ha messo a punto un vademecum per gli acquisti che invita a verificare la presenza dell’etichetta di provenienza, prediligere le varietà di stagione coltivate in serra o in pieno campo che presentano le migliori caratteristiche qualitative e il prezzo più conveniente; preferire le produzioni e le varietà locali che non essendo soggette a lunghi tempi di trasporto garantiscono maggiore freschezza; privilegiare gli acquisti diretti dagli agricoltori, nei mercati rionali e di Paese e nei punti vendita specializzati della grande distribuzione dove è possibile fare buoni affari ed è più facile individuare l’origine e la genuinità dei prodotti; scegliere la frutta con il giusto grado di maturazione, quando sono esaltate le caratteristiche organolettiche e nutrizionali; optare per acquisti ridotti e ripetuti per garantirsi sempre l’elevato grado di freschezza; privilegiare il consumo di verdure crude perché con la cottura si perde parte di acqua, sali minerali e vitamine.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)