"La politica della concorrenza occupa un ruolo cruciale nell’abbattere cartelli, nel contrastare monopoli illegali, nell’assicurare che le fusioni non limitino la concorrenza e infine nell’accertare che i sussidi statali non mettano fuori mercato altre aziende". E’ quanto ha dichiarato il Commissario per la politica della concorrenza Neelie Kroes presentando la Relazione annuale 2004 nel settore adottata in questi giorni dalla Commissione europea.

Nel complesso, il numero delle azioni notificate è aumentato del 17%, passando da 212 nel 2003 a 249 nel 2004, comunque inferiore al livello di 345 registrato nel 2000. Nel settore antitrust, il 2004 è stato caratterizzato dall’adozione di nuove norme per la disciplina l’abuso di posizione dominante e le pratiche restrittive della concorrenza. Si tratta del regolamento 1/2003 che ha dato vita ad un nuovo sistema basato sulla stretta collaborazione fra la Commissione e le autorità nazionali per la concorrenza nel quadro della rete europea della concorrenza (REC).

Nuove regole anche per il controllo delle concentrazioni: un regolamento entrato in vigore il primo maggio 2004 prevede la diminuzione dei carichi imposti alle imprese relativi alla notifica delle azioni di concentrazione e introducono metodi più efficaci ai fini di valutare le concentrazioni contrarie all’economia europea. La Commissione ha anche adottato nuove linee guida sulla valutazione delle concentrazioni orizzontali, che chiariscono i metodi d’analisi.

Tra le decisioni volte a contrastare l’abuso di posizione dominante nel corso dell’anno passato si ricorda quella su Microsoft: all’azienda è stata imposta una ammenda di 497 milioni di euro, oltre all’obbligo di divulgare le informazioni relative all’inter-operabilità e a offrire la versione del suo sistema operativo senza il relativo lettore multimediale. La Commissione ha inoltre adottato 6 decisioni contro vari cartelli, infliggendo ammende che ammontano a 390 milioni di euro. In totale, sono stati affrontati 158 casi di cartelli e monopoli e sono state condotte a termine 391 procedure.

Per quanto riguarda gli aiuti di Stato, la Commissione ha adottato norme che semplificano le procedure di notifica. L’esecutivo di Bruxelles ha anche modificato l’esenzione per categoria a favore delle PMI al fine d’includere gli aiuti alla ricerca e allo sviluppo. Per quanto riguarda i casi individuali, la Commissione ha in particolare esaminato numerose questioni che implicano aiuti alla ristrutturazione delle aziende e al settore dell’industria navale.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)