L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha preso in carico il procedimento di inottemperanza avviato nei confronti di Co.Ge.Ban (Convenzione per la gestione del marchio Bancomat) dalla Banca d’Italia il 22 ottobre scorso e ne ha disposto la proroga del termine di chiusura dal 28 febbraio al 28 aprile 2006.

L’inottemperanza contestata dalla Banca d’Italia nasce dal provvedimento del marzo 2005 con il quale la Banca d’Italia aveva contestato a Co.Ge.Ban un’intesa restrittiva della concorrenza. Per rimuovere l’infrazione era stato imposto il ritiro della circolare del 2003 con la quale si impediva ai commercianti convenzionati e alle società che gestiscono i terminali POS di porre in essere sistemi "multibanca" (possibilità di regolare le transazioni effettuate presso un POS con una pluralità di banche piuttosto che con un’unica banca di riferimento). Parallelamente era stato imposto l’avvio di un sistema multibanca entro il primo ottobre 2005.

La mancata attuazione delle condizioni poste, entro il termine previsto, ha portato all’avvio della procedura ora di competenza dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. La normativa antitrust in caso di inottemperanza prevede sanzioni amministrative pecuniarie fino al dieci per cento del fatturato.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)