Se volete evitare di alzare il gomito, scegliete bicchieri stretti e lunghi: avrete la sensazione di bere di più. Se invece il vostro scopo è indurre il barman a versarvi dosi più generose, pretendete un bicchiere basso e largo. Il consiglio, ideale per il veglione di Capodanno, viene dalla Cornell University, ed è stato pubblicato nei giorni scorsi sul British Medical Journal. Secondo uno studio condotto da un professore di marketing, economia e scienze nutrizionali, nei bicchieri tozzi e ampi, infatti, finisce dal 20 al 30 per cento di liquido in più. Colpa, o merito, di un illusione ottica che inganna anche i professionisti del drink: le persone tendono mediamente a percepire le linee verticali come più lunghe di linee identiche messe in orizzontale.

Allo stesso modo – si apprende dalla ricerca – si stima generalmente che i bicchieri alti contengano più liquido di quelli larghi con pari volume. Si bada all’altezza del liquido che si sta versando senza tenere nella giusta considerazione l’ampiezza. Né la pratica, né la concentrazione riescono a correggere questa sovrastima. Lo studio è valorizzato dall’osservazione dei comportamenti di quasi duecento studenti e di un’ottantina di barmen, ai quali è stato chiesto di versare uno shot di bevanda alcolica in contenitori di varia forma. Gli studenti hanno versato mediamente il 30 per cento in più di liquido nei bicchieri bassi e larghi, mentre i professionisti hanno ecceduto del 20 per cento. Dopo dieci tentativi, l’errore veniva corretto, ma di poco: gli studenti hanno continuato a sbagliare dose del 26 per cento, i barmen del 10 per cento.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)