La spesa delle famiglie italiane per formaggi ha superato i cinque miliardi di Euro destinati all’acquisto di 632 milioni di chili di prodotto (+1,3%) con una preferenza per grana padano, mozzarella, ricotta, parmigiano reggiano, formaggio con i buchi e mozzarella di bufala, ma senza dimenticare gli oltre cinquecento altri formaggi censiti in Italia. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti, sulle rilevazioni Ismea-AcNielsen relative al consumo domestico di formaggi nel 2004, svolta in occasione del 12 luglio, il giorno dedicato a San Lucio che per tradizione è il "patrono" dei casari grazie al suo passato di caritatevole pastore sugli alpeggi tra la Val Cavargna e la Val Colla tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo. E vegliare sul destino del patrimonio nazionale di 32 denominazioni di origine riconosciute dall’Unione Europea e su 481 formaggi tradizionali censiti dalle regioni è certamente un compito non semplice anche se facilitato – continuano i coltivatori – dalla grande qualità riconosciute dai consumatori nazionali ed esteri come dimostra il fatto che nei primi quattro mesi del 2005 il consumo di formaggi delle famiglie italiane è aumentato in quantità del 3,1%.

Se nel corso del 2004 non esiste in Italia una famiglia che non abbia consumato almeno un tipo di formaggio, ben tre su quattro – si legge nel comunicato – hanno acquistato almeno una volta ricotta, due su tre parmigiano reggiano o grana padano e una su due mozzarella o gorgonzola. Ad essere i più ghiotti del gradito derivato del latte sono i meridionali che nel corso del 2004 ne hanno acquistato il 36% del totale (circa 224 milioni di chili), seguiti dagli abitanti del nord ovest con il 27% (171 milioni di chili) e da quelli del centro con il 19% (122 milioni di chili) come quelli del nord est (115 milioni di chili).

Ma il Made in Italy – continua Coldiretti – è apprezzato anche all’estero dove nel 2004 sono stati esportati 219 milioni di chili (+7,2%) tra formaggi e latticini, con un paese dalle antiche tradizioni casearie come la Francia al secondo posto tra gli importatori dopo la Germania e prima degli Stati Uniti. Un trend di crescita che è continuato nel primo trimestre del 2005 nel corso del quale le esportazioni italiane di formaggi sono aumentate del 16,6% in quantità e del 10,5% in valore. E che potrebbe ulteriormente incrementarsi se – conclude l’ associazione di categoria – dai prossimi negoziati sul commercio internazionale nel Wto venisse un chiaro stop all’uso da parte di molti paesi, come Stati Uniti, Brasile, Argentina e Australia, delle nostre denominazioni più tipiche (parmesan, provolone, ricotta, gorgonzola) per formaggi che nulla hanno a che fare con la realtà produttiva italiana.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)