Numerose clausole "vessatorie" e lesive dei diritti dei consumatori, nelle condizioni generali di vendita dei biglietti per assistere alle Olimpiadi invernali. Questo il motivo che ha spinto il Movimento Consumatori a diffidare Toroc e a far cambiare alla stessa il contratto di vendita. L’associazione, infatti ha anche accertato che il Toroc ha utilizzato queste clausole vessatorie nella vendita di circa il 50% dei biglietti a disposizione per le Olimpiadi attraverso il suo sito www.torino2006.org/tickets (in tutto circa 550.000 biglietti).

Il Movimento Consumatori non ha pertanto esitato ad avviare la procedura "inibitoria", prevista dall’art. 139 del Codice del Consumo che consente alle associazioni dei consumatori di agire a tutela degli interessi collettivi rappresentati, per ottenere la cessazione di comportamenti lesivi nei confronti della collettività. Il 21 novembre 2005 è stato formalmente diffidato il Toroc a modificare immediatamente le proprie condizioni generali di contratto, eliminando o modificando le clausole illecite.A seguito di una serrata contrattazione il 22 dicembre 2005 Toroc ha accettato di cambiare tutte le clausole contestate dal Movimento Consumatori. Dal giorno dopo sono state sostituite sul sito Internet e il Toroc dice di aver provveduto ad aggiornare anche i propri depliant cartacei, stampandone di nuovi.A prescindere dall’esito positivo della vicenda, MC ritiene doveroso sottolineare la gravità di quanto è avvenuto.

"Se non fossimo intervenuti – afferma Alessandro Mostaccio del Movimento Consumatori – il Toroc avrebbe applicato a circa un milione di turisti delle clausole sicuramente contrastanti con la normativa europea. Si è corso il rischio di far esplodere un enorme contenzioso legale a giochi terminati. Con sicuro danno per l’immagine del nostro Paese"."Alla domanda come sia stato possibile incorrere in un simile errore – continua Mostaccio – ci è stato risposto che queste clausole sono state ereditate dai giochi olimpici di Atene 2004. Quindi, già nel 2004 ad Atene nessun organo competente si era accorto di nulla. Tranne probabilmente quei consumatori che si sono visti negare, ad esempio, il diritto al rimborso del biglietto".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)