Secondo un’indagine dell’associazione Childnet International solo un genitore su 10 sa cosa significa scaricare musica da Internet e come farlo. Per questo motivo Childnet e Pro-Music.org hanno lanciato oggi a livello internazionale una guida interattiva contro i potenziali rischi del P2P (peer to peer), si tratta di una campagna informativa che ha lo scopo di educare i genitori sul fenomeno della condivisione di file protetti da copyright su Internet. La brochure è disponibile sul sito www.pro-music.org e in tutti i negozi di musica, nei centri commerciali, nelle scuole, nelle librerie, ed è stata tradotta e diffusa in 19 Paesi di tutto il mondo.

Secondo Childnet International, l’uso improprio della "rete" pone problemi legati alla diffusione incontrollata di virus e spamming generale, a questioni di sicurezza (come la protezione dalla pedopornografia) e legalità.

Spesso, anche in modo assolutamente inconsapevole – spiega Childnet International – si scaricano brani musicali, si condividono testi, si accede ad anteprime cinematografiche, utilizzando piattaforme illegali pericolose in termini di tutela della privacy e con potenziali rischi legali connessi alla violazione della normativa sul diritto d’autore.

"I giovani, la Musica e Internet, una guida per i genitori sul P2P e la condivisione di musica in rete" è appunto uno strumento per usufruire di musica digitale legalmente e in tutta sicurezza.

L’iniziativa è stata presentata in contemporanea, oltre che in Italia, in Germania, Spagna, Singapore, Gran Bretagna e Stati Uniti. Nei prossimi mesi verrà lanciata anche in Argentina, Australia, Belgio, Brasile, Canada, Grecia, Irlanda, Messico, Olanda, Nuova Zelanda, Portogallo, Svezia e Sud Africa.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)