"Viviamo in un’epoca in cui i consumatori sono attenti all’etica che guida i comportamenti delle grandi imprese considerandola una degli elementi della qualità del prodotto o del servizio in grado di determinare la loro scelta". Così esordisce Nicoletta Fiorucci, presidente di Anima, che ha avuto il compito di aprire i lavori del convegno "Responsabilità sociale e sviluppo: una proposta di legge, un’idea di futuro" che si è tenuto questa mattina a Roma.

L’iniziativa organizzata da Legambiente, Anima e Fondazione per la Sussidiarietà è stata l’occasione per riflettere su come le buone pratiche di responsabilità sociale possono influire sul nostro futuro e sulla competitività delle nostre aziende nonché per analizzare con l’ausilio del suo promotore – il deputato Ermete Realacci – una proposta di legge sulle prospettive di sviluppo della CSR nel tessuto economico, sociale e culturale del nostro Paese.

Diversi i punti salienti della proposta messi in luce dai partecipanti al convegno: dall’istituzione dell’Autorità per la responsabilità sociale delle imprese al tentativo di introduzione di un sistema embrionale sanzionatorio. Ma analizziamo alcuni degli articoli della proposta n.4794:

  • definizione della RSI: ai fini delle legge si intende per "responsabilità sociale delle imprese, l’integrazione volontaria da parte delle imprese nelle loro operazioni commerciali e nei loro rapporti con le parti interessate di finalità di tutela degli interessi sociali ed ecologici";
  • istituzione dell’Autorità per la responsabilità sociale delle imprese con i compiti, tra li altri, di stabilire gli indicatori di tipo quantitativo e qualitativo per la definizione dei comportamenti socialmente responsabili; predisporre gli strumenti per accertare l’impatto sociale e ambientale delle imprese su tutta la filiera produttiva e per valutare i risultati delle iniziative socialmente responsabili dalle stesse messe in atto; diffondere tra le imprese la cultura della responsabilità sociale; promuovere la conoscenza da parte dell’opinione pubblica delle iniziative socialmente responsabili; elaborare un codice di condotta; selezionare i progetti da ammettere;
  • istituzione del Forum consultivo: l’autorità è coadiuvata, nell’esercizio delle sue funzioni, da un Forum composto da 25 esperti tra cui tre rappresentanti del CNCU con funzioni consultive dell’autorità stessa;
  • incentivi: introduzione di un contributo nella forma di credito di imposta per le spese relative a progetti diretti allo sviluppo di tecnologie produttive pulite, ad agevolare l’accesso alle sedi dell’azienda a persone disabili, alla tutela ambientale e per l’adozione di procedure di conciliazione nel contenzioso tra aziende e consumatori o utenti;
  • istituzione nazionale sul dumping sociale al fine di fornire l’adeguato supporto informativo e di conoscenza del fenomeno.

Non ha mancato di dissentire su alcuni punti del provvedimento il Ministro del Welfare, Roberto Maroni, sottolineando le proprie perplessità circa il sistema dell’incentivazione fiscale "che rischierebbe – per dirla con le parole del ministro – di far scemare la volontarietà, più volte citata nella proposta di legge, che deve necessariamente animare le scelte socialmente responsabili delle imprese".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)