"Via i soldi per i parchi? Ecco come i 24 saggi smantelleranno il sistema di aree protette italiane". E’ il commento critico del presidente di Legambiente, Roberto Della Seta alla bozza, della delega ambientale. Il provvedimento del Governo prevede, nelle sue linee guida, il riordino della legislazione in materia ambientale. In particolare, il Governo è delegato a legiferare in tema di tutela delle acque, dell’aria, del suolo e anche in materia di gestione delle aree protette, conservazione e utilizzo sostenibile degli esemplari di specie protette di flora e di fauna. Una commissione composta da 24 esperti coadiuva il ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio, Altero Matteoli nella stesura delle norme.

"Dopo aver ridisegnato i vertici di tutti i parchi nazionali attraverso i commissariamenti ad hoc e le nomine lottizzate – continua il presidente di Legambiente – si tagliano i finanziamenti pubblici. L’operazione è chiara: annullare il ruolo dei parchi italiani e quello che di buono hanno portato. Non solo, la consultazione di ieri ha rivelato tutta l’arroganza della presidenza della Commissione dei 24: invitati ai fini della prevista consultazione in merito al contenuto dei decreti legislativi di riordino della materia ambientale – come recita la lettera inviata dal Ministero – ci è stato chiaramente detto che non ci saranno resi noti i testi finchè non verranno licenziati dalla Presidenza del Consiglio. Una strana idea di consultazione quella del presidente della Commissione:smantellare l’ambiente sì, ma con la coscienza a posto".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)