E’ disponibile in libreria la seconda edizione, pubblicata dalla Collana BUR – Rizzoli, di "Dimagrisci mangiando", un prezioso manuale in cui Anna Bartolini, rappresentante italiano nel Consiglio europeo consumatori, illustra le regole per star bene e mantenersi in forma senza problemi. Oggi, vent’anni dopo la prima edizione del libro, pubblicata in un periodo in cui era necessario perdere peso per ragioni estetiche, la prospettiva è cambiata: in tutti i paesi industrializzati è ancora viva l’esigenza di dimagrire ma per non correre il rischio di diventare obesi.

L’obesità è considerata il nuovo pericolo: il 60% della popolazione è obesa o in sovrappeso; il fatto inquietante è costituito dal fatto che la nuova malattia colpisce soprattutto la popolazione giovane. Si rende pertanto necessaria una capillare informazione sui principi di un’alimentazione corretta e sul perché e come dimagrire. Il manuale assolve a questo compito fornendo, tra le altre cose, numerosi consigli di medici, professori e dietologi su come dimagrire mangiando bene e in modo corretto. Il costo del testo è di 9,80 euro.

Publichiamo l’intervista che Anna Bartolini ha concesso a Help Consumatori.

Lei è rappresentante italiana nel Consiglio Europeo Consumatori. Che livello di consapevolezza politica è stato raggiunto in seno agli organismi europei sulle tematiche consumeriste. In particolare nel settore della sicurezza alimentare?

Nel campo della sicurezza alimentare il grado di consapevolezza raggiunto dai consumatori è pressoché totale; dopo le vicende della mucca pazza si è sviluppata una maggiore sensibilità cui si è accompagnata la costituzione dell’Agenzia europea sulla sicurezza alimentare.

Nel 1984 fu pubblicata la prima edizione di "Dimagrisci mangiando". Quali i motivi che l’hanno spinta a scrivere questa seconda edizione?

I fatti salienti di questi anni mi hanno spinta a scrivere la seconda edizione di "Dimagrisci mangiando". La prima edizione del volume è stata pubblicata in un periodo in cui la moda delle diete era rivolta esclusivamente alla perdita di chili anche a discapito della salute. Oggi le cose sono cambiate, bisogna fare i conti con malattie gravissime come l’obesità e i rischi per la salute che ne derivano sono così alti che diventare magri è un impegno sociale.

L’obesità è uno degli argomenti centrali del suo libro, oltre che un tema di grande attualità. Quale la situazione a livello europeo?

L’obesità e l’elemento centrale di questo libro. I dati mondiali sull’obesità sono inquietanti: l’Italia si colloca al terz’ultimo posto per il numero di obesi tra le persone adulte, e al primo per il numero di obesi tra i bambini. Nessuno immaginava che nel paese simbolo della dieta mediterranea il 36% dei bambini è in sovrappeso: è necessario, dunque, che le famiglie pensino ad un nuovo modo di alimentarsi.

Quale la sua valutazione sulle iniziative italiane per combattere l’obesità?

La mia valutazione è essenzialmente negativa, opinione è condivisa dalla dottoressa Caroli, membro dell’International Obesity Task Force, la quale sostiene che in Italia non si fa molto per diffondere una cultura del mangiar bene e sano e soprattutto non c’è un piano nazionale sull’obesità. Sembrava che l’Italia avesse imboccato la via giusta con l’impegno dimostrato dal ministro Sirchia ma, purtroppo, è stato sostituito da "qualcuno" che si è mostrato, sin da subito, poco interessato all’argomento.

L’Associazione Nazionale Dietisti ha recentemente sostenuto che il 30% dei bambini tra i 7 e gli 11 anni dell’area mediterranea è in sovrappeso o già obeso. Crede che la pubblicità sugli alimenti destinati ai bambini abbia un’influenza su questi dati? Quale consiglio darebbe ad un genitore?

La pubblicità è determinante nel processo di acquisto dei cibi. Dovremo seguire l’esempio dei paesi del Nord Europa dove la pubblicità alimentare è vietata nelle fasce orarie protette.

Quali crede che siano le cattive abitudini alimentari degli italiani a tavola?

Gli italiani consumano troppi grassi e poca frutta e verdura, bevono troppo alcol e poca acqua.

Tre suggerimenti per "dimagrire mangiando"

I tre suggerimenti che propongo sono quelli dei medici e degli specialisti: se volete dimagrire veramente occorre valutare con il medico se è davvero necessario. Se la risposta è sì, le regole ferree da rispettare sono: volerlo veramente, mangiare variato, cioè un po’ di tutto ed infine svolgere abitualmente un’attività fisica.

Per approfondire vai al dossier su minori e alimentazione.

Intervista a cura di Silvia Biasotto e Valentina Corvino.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)