Compie un mese la campagna "Leggimi un libro!", promossa dal sito www.dirittoallacultura.org . Obiettivo, invitare i lettori a "donare la propria voce" registrando un libro. Tutte le modalità per aderire all’iniziativa si trovano sul sito www.dirittoallacultura.org, insieme alla lista dei libri consigliati per non rischiare di registrarne uno già disponibile. Il sito coordina la campagna che, sta raccogliendo centinaia di adesioni, anche da biblioteche che vogliono creare un fondo di opere accessibili ai disabili (audiolibri o su altri supporti) o che vogliano collaborare con i centri già esistenti che svolgono questi servizi sul territorio.

Dirittoallacultura.org cerca anche di sensibilizzare le autorità competenti e a coinvolgere ministeri ed enti pubblici sul problema dell’accessibilità dei testi per i disabili. Un diritto garantito costituzionalmente ("Gli inabili ed i minorati hanno diritto all’educazione e all’avviamento professionale", recita l’art. 38 della Costituzione) che però incontra continuamente ostacoli, dati dalla presunta violazione del diritto d’autore e dalle resistenze delle case editrici che rivendicano il rischio di una "lesione" dei loro interessi. La legge Stanca sull’accesibilità ha provato a rimuovere tali barriere, ma non essendo stata seguita da un decreto attuativo e dai relativi regolamenti, rischia di restare lettera morta. Per questo motivo, è stata presentata al Senato, da Fiorello Cortiana dei Verdi, un’interrogazione urgente al ministro del Welfare, al ministro dell’Innovazione Tecnologica, al ministro dell’Istruzione, al ministro per i Beni e le Attività Culturali e al ministro delle Attività Produttive perché si dia al più presto vita ad un tavolo attuativo. Per diventare un lettore della campagna "Leggimi un libro!", info@dirittoallacultura.org

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)