Presto la città di Torino (prima comune in Italia) avrà le nuove pedane per disabili che agevoleranno la salita e la discesa dai marciapiedi. L’iniziativa che coincide con la Giornata Europea delle Persone Disabili 2005 (il 3 dicembre) è stata presentata questa mattina dalla Consulta per le Persone in Difficoltà e da Idea Solidale alla IV e III Commissione consiliare, presiedute da Domenico Gallo e Lucia Centillo.

La nuova pedana amovibile sarà lunga 128 cm, larga 95 cm e alta 2,7 cm e servirà a superare le barriere architettoniche. Rispetto alle pedane comunemente costruite con normali assi appoggiati ai gradini in condizioni precarie, le nuove pedane quando non sono utilizzate ( si alzano e si abbassano per i 2,7 cm) non recano intralcio alla circolazione.

L’assessore ai servizi sociali Marco Borgione ha sottolineato come l’iniziativa sia un percorso importante per la vita della città, favorendo l’accessibilità ai negozi delle persone disabili.

"Le nuove pedane – ha dichiarato Paolo Osiride Ferrero (presidente della Consulta per le persone in difficoltà) – costano 170 euro l’una, noi ne abbiamo acquistate 300 e le abbiamo regalate ai commercianti. L’ipotesi di arrivare ad avere 1000 pedane in città. L’iniziativa serve a sensibilizzare i commercianti a togliere strutturalmente il gradino".

La dottoressa Maria Franca Montini ha annunciato la proposta dell’assessore Gian Luigi Bonino di esonerare dal pagamento del canone di occupazione di suolo pubblico tutti gli esercizi commerciali che metteranno in atto questo sistema.

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)