"Premesso che il tour operator non può essere considerato responsabile per quanto è accaduto – ha spiegato Gianni Ricciuti responsabile settore Turismo dell’Associazione – i turisti in partenza hanno comunque diritto ad una vacanza di valore uguale in un’altra località che potrà essere proposta dall’agenzia viaggi, senza dover comunque aggiungere eventuali maggiorazioni a quanto già pagato. Qualora invece sia il cliente a chiedere di poter andare in una località specifica dovrà affrontare eventuali oneri aggiuntivi per il pacchetto vacanza".

"In ogni caso – ha concluso poi Ricciuti – coloro che non vogliono partire per l’Egitto hanno diritto ad una nuova offerta che potrà essere concordata con il tour operator per quanto riguarda tempi e modalità, fermo restando appunto il valore della vacanza che non potrà mai essere inferiore a quanto pattuito per il pacchetto di viaggio già acquistato".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)