Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) accoglie favorevolmente il documento di consultazione pubblicato dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas in merito a nuove proposte per migliorare la trasparenza e la leggibilità delle bollette dell’energia elettrica.

"Condividiamo appieno l’obiettivo del documento, quello cioè di puntare a una maggiore tutela degli utenti delle bollette, in primo luogo per le categorie degli anziani e dei disabili – dichiara Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) – Le proposte dell’Autorità, infatti, vanno tutte nella direzione di una nuova bolletta elettrica, che risponda ai requisiti di chiarezza, comprensibilità e completezza dell’informazione".

Come associazioni dei consumatori, accogliamo l’invito dell’Autorità per l’energia di avanzare proposte, osservazioni e suggerimenti. Dopo la prima delibera n. 55/2000, infatti, in materia di trasparenza sono emersi tutta una serie di problemi relativi alla comprensibilità della fatturazione. In alcuni casi addirittura, le società di erogazione (Enel) non hanno neppure rispettato le prescrizioni già esistenti.

"La scorsa settimana – spiega Francesco Luongo, membro della Direzione Nazionale di MDC – abbiamo inoltrato un ricorso urgente all’Autorità, perchè Enel Distribuzione ancora non indica in bolletta gli indirizzi degli sportelli bancari in ogni provincia, dove l’utente può effettuare il pagamento delle bollette senza oneri (questo obbligo è stato previsto già con la delibera n. 200/99 ed è stato confermato con la delibera n. 72/04, www.autoritaenergia.it)".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

 

Parliamone ;-)