In base alla Delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas n. 40 del 2004, da domani, primo luglio, cambiano le regole per l’attivazione dei nuovi impianti a gas. Lo ricorda Confartigianato. In occasione di ogni nuovo allaccio alla rete gas metano, gli utenti – sottolinea Confartigianato – devono compilare un’apposita richiesta, da inviare all’Ente distributore di gas, insieme con specifici moduli predisposti dall’Autorità che dovranno essere compilati dall’impresa che installa l’impianto. Le nuove norme hanno l’obiettivo di aumentare la sicurezza dei cittadini nell’utilizzo degli impianti a gas.

Secondo Confartigianato, negli ultimi 4 anni, a causa del cattivo funzionamento di impianti a gas, si sono registrati mediamente 163 incidenti all’anno, di cui 21 mortali e con 30 decessi. Gli incidenti sono maggiormente concentrati al Nord (3 incidenti su 4) e sono prevalentemente causati (4 incidenti su 10) dall’insufficiente ricambio d’aria del locale, o dalla carenza di manutenzione (2 incidenti su 10). Gli impianti maggiormente a rischio sono le caldaie autonome (causa di 1 incidente su 3) seguite da scaldabagni e apparecchi di cottura, rispettivamente responsabili di 2 incidenti su 10 ciascuno.

Confartigianato ricorda agli di far installare impianti a gas metano (per cottura, riscaldamento, produzione di acqua calda sanitaria) unicamente da imprese del settore installazione impianti, regolarmente iscritte in Camera di Commercio, che abbiano anche i requisiti richiesti dalla legge n.46/90. Il rischio di servirsi di soggetti che non posseggono i requisiti professionali, oltre a precludere, da domani, la fornitura il gas, espone i cittadini a rischi gravi per la propria e l’altrui incolumità e sicurezza.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)