Il cda di Enel, riunito nella serata di ieri, ha approvato il bilancio 2005 che si è chiuso con un utile netto di gruppo a 3.895 milioni di euro (in aumento del 48% rispetto ai 2.631 milioni nel 2004). L’azienda ha presentato anche il nuovo piano industriale che punta entro il 2010 a generare il 50% dell’elettricità dal carbone, il 30% da fonti rinnovabili e il 20% da gas usato nei cicli combinati. Egativo il commento di Legambiente: è un programma irricevibile quello che Enel vorrebbe realizzare, sostiene Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente.

"Irricevibile per due motivi. – conclude Della Seta – Prima di tutto perché è anomalo che un’azienda individui la politica energetica di un Paese, e poi perché un 50% di produzione energetica dal carbone vuol dire mettere definitivamente una pietra sulla possibilità dell’Italia di contribuire alla lotta ai mutamenti climatici. Il carbone, infatti, pulito o meno resta comunque la fonte più inquinante nel panorama energetico".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)