"Finalmente gli italiani possono produrre energia solare. Siamo soddisfatti per l’entrata in vigore del Conto Energia, arrivare a 300 MW di potenza installata entro il 2016 non è un obiettivo eccezionale (se si pensa che la Germania ne ha installati circa 350 solo tra il 2003 e il 2004) ma è comunque un inizio, soprattutto visto il ritardo con cui il nostro Paese si è impegnato nello sviluppo delle fonti rinnovabili". E’ quanto ha affermato Andrea Poggio, presidente di Legambiente Lombardia in riferimento all’individuazione, da parte dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, nel "Gestore della rete di trasmissione nazionale S.p.a." (Grtn) quale "soggetto attuatore" del nuovo programma di incentivazione in conto energia della produzione di elettricità fotovoltaica.

"Se è vero che siamo la regione più avanzata d’Italia – ha aggiunto Poggio – quella che produce il 20% del PIL nazionale, allora è il caso che si rivedano un po’ i conti: puntare a soli 8 MW di potenza installata in Lombardia (al 2010) significa prevedere 70 cm di pannelli solari per abitante, contro i 900 della Germania, che oggi ha 750 MW di pannelli installati".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)