Le dimissioni di Antonello Cabras a Commissario per l’Autorità per l’Energia fanno esplodere un grave problema sottovalutato dalle forze politiche ma che rischia di indebolire gravemente l’indipendenza e la credibilità degli organismi di garanzia. Questo il commento del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) a seguito dell’annuncio da parte del ministro delle attività produttive, Claudio Scajola, delle dimissioni di Cabras.

"Dall’Autorità Antitrust a quella delle Comunicazioni ed infine alle recenti nomine di quella dell’Energia – ha dichiarato Antonio Longo, Presidente dell’associazione a tutela dei consumatori – i nuovi Commissari sono stati scelti prevalentemente fra politici in disarmo, "trombati" o dall’incerto avvenire. In qualche caso più grave le designazioni sembrano rispondere a logiche di "ricompensa" per l’attività resa come sottosegretario.

"Il Movimento Difesa del Cittadino – conclude Longo – che ha già fatto ricorso al Tar contro la nomina di Guazzaloca come Commissario Antitrust, si appella ai Membri delle Commissioni Parlamentari competenti perché blocchino queste scelte politiche e pretendano invece designazioni di alto profilo tecnico e di notoria indipendenza come è stato in passato per il Presidente Tesauro ed il Presidente Ranci."


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)