Nel mese di luglio 2006 la quantità di energia elettrica richiesta in Italia, pari a 31,2 miliardi di kWh, ha fatto registrare una crescita del 4,7% rispetto allo stesso mese del 2005. E’ quanto ha rilevato TERNA che ha la responsabilità della trasmissione e del dispacciamento dell’energia elettrica a livello nazionale.

Il risultato di luglio, ottenuto a parità di giornate lavorative (21), ha risentito di fattori climatici (temperatura media mensile superiore di 1 grado rispetto al corrispondente mese del 2005). Depurata da questo effetto, la variazione è pari a +3,4%. I 31,2 miliardi di kWh richiesti nel mese di riferimento sono distribuiti per il 45,8% al Nord, per il 29,8% al Centro e per il 24,4% al Sud.

Nel mese di luglio 2006 il fabbisogno italiano di energia elettrica è stato coperto per l’87,7% con la produzione nazionale, e per il restante 12,3% con il saldo tra le importazioni e le esportazioni. In dettaglio, la produzione nazionale netta (28,1 miliardi di kWh) è cresciuta del 6,4% rispetto a luglio 2005; sono risultate in aumento tutte le tipologie di produzione: idroelettrica (+12,7%), termoelettrica (+5%), geotermoelettrica (+4,8%) ed eolica (+5,2%).

Per ulteriori dettagli visita il siot di TERNA.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)