La Corte di Giustizia Europea è stata chiamata ad esprimersi sull’interpretazione della Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 20 marzo 2000, 2000/13/CE, concernente l’etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, e sulla relativa pubblicità. In particolare, il Comune di Arcole (VR) ha imposto alla Lidl il pagamento di una sanzione pecuniaria per aver posto in vendita dei campioni di "Amaro alle erbe" (una bevanda alcolica prodotta e imballata in Germania) con un tenore alcolico inferiore a quello riportato sull’etichetta.

Il giudice di pace di Monselice ha chiesto alla Corte di giustizia l’interpretazione della Direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio 20 marzo 2000, 2000/13/CE, concernente l’etichettatura e la presentazione dei prodotti alimentari, nonché la relativa pubblicità, ed in particolare, se gli obblighi previsti dalla direttiva sono imposti solo al produttore dell’alimento preconfezionato e, in caso di risposta affermativa, se il distributore del prodotto (la Lidl) possa essere considerato responsabile di quanto indicato sull’etichetta

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)