Il dominio di primo livello ".eu", che consente alle aziende, agli enti pubblici e ai singoli cittadini europei di scegliere un nome Internet paneuropeo per i loro siti Web e i loro indirizzi di posta elettronica è una realtà, infatti da oggi è possibile registrarsi. Con l’avvio del dominio .eu, che integra ma non sostituisce i codici "nazionali" dei singoli stati membri (come ad esempio, ".fr" per la Francia, ".it" per l’Italia o ".uk" per il Regno Unito) la Commissione mantiene la promessa fatta durante il Consiglio europeo di Lisbona del 2000, di dare alla società dell’informazione europea un’identità sul Web sulla base di regole affidabili stabilite a livello comunitario.

Un periodo iniziale di quattro mesi – denominato "sunrise" – consentirà ai titolari di diritti preesistenti residenti nell’Unione europea di chiedere la registrazione dei propri nomi di dominio.
La registrazione potrà essere chiesta mediante dei conservatori autorizzati. Inizialmente la possibilità di chiedere la registrazione di nomi ".eu" sarà riservata ai titolari di marchi commerciali registrati e agli enti pubblici. (dal 7 dicembre 2005 al 6 febbraio 2006). In seguito sarà estesa ai titolari di altri "diritti preesistenti" come i nomi di imprese o gli identificatori di imprese (dal 7 febbraio al 6 aprile 2006). Infine, dal 7 aprile 2006, tutti coloro che risiedono nell’Unione europea potranno chiedere la registrazione di un nome di dominio ".eu".

Un elenco dei conservatori e delle lingue in cui si può effettuare la registrazione è reperibile nel sito web: http://list.eurid.eu/registrars/.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)