5000 farmacie in Italia (su un totale di 16.500) applicano gli sconti sui farmaci di automedicazione – quelli in fascia C che non richiedono prescrizione medica -. Questi in sintesi i dati raccolti fino ad oggi da Federfarma sull’applicazione della legge che introduce appunto la possibilità di scontare i prezzi dei farmaci OTC, a carico dei cittadini. L’associazione afferma che i dati (circa l’80% delle farmacie che hanno compilato i questionari) confermano quindi "un buon andamento". La percentuale però – afferma Federfarma – si abbassa nelle farmacie rurali.

Meno positivi invece i dati sull’uso dei farmaci generici: i farmacisti, infatti, spiegano che nonostante l’informazione ai pazienti sulla possibilità di acquistare un farmaco generico a prezzo ridotto rispetto alla specialità firmata, solo il 50% degli italiani si affida ai generici. Molto alta la percentuale di persone anziane, più restie a sostituire il prodotto con uno sconosciuto, anche se il farmacista le assicura che non esiste differenza di sostanza ma solo di forma.

Federfarma continuerà la raccolta di questionari e dei dati che verranno poi inviati al Ministero della Salute. Alcune settimane fa infatti il Ministro Francesco Storace aveva sollecitato Federfarma alla raccolta delle informazioni sull’applicazione della legge, per cui, hanno spiegato i farmacisti, servirà tempo per vedere i migliori risultati.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)