In rete Gerico 2009, la nuova versione del software "a prova di crisi". E’ disponibile da oggi sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate la nuova veste dell’applicativo, che gestisce i 206 studi di settore in vigore per il periodo d’imposta 2008. Il software, necessario perché imprese e lavoratori autonomi possano determinare la congruità dei loro ricavi/compensi ai fini della dichiarazione dei redditi per quest’anno, si modella alla luce della particolare congiuntura economica del 2008 e si arricchisce di una nuova sezione ad hoc, tenendo conto degli effetti dalla crisi sulle diverse categorie di contribuenti.

A battesimo la nuova sezione "a prova di crisi" – I principali interventi correttivi dell’applicativo riguardano sia l’analisi della normalità economica sia i valori di adeguamento richiesti per risultare congrui agli studi di settore. Sotto il primo profilo, infatti, Gerico segnala esplicitamente i casi in cui si è provveduto ad adeguare le soglie di normalità economica in considerazione della crisi.

Tre correttivi "salvagente" – In particolare, i nuovi interventi applicati si dividono in tre tipologie:

  1. i correttivi "costo materie prime" e "costo carburante", che riguardano solo determinati studi di settore. Nel dettaglio, il primo si applica ad esempio agli studi della meccanica leggera e pesante, mentre il secondo correttivo è dedicato, tra gli altri, agli studi relativi ai tassisti e agli intermediari del commercio;
  2. i "correttivi specifici di cluster", necessari per adattare la funzione di ricavo per singolo gruppo omogeneo. Si applicano, ad esempio, agli studi delle farmacie e del commercio al dettaglio di abbigliamento e calzature;
  3. i "correttivi congiunturali individuali", che adattano la funzione di ricavo nel caso in cui si verifichi una contrazione dei ricavi nel 2008 rispetto a quelli storici di riferimento.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)